In primo piano

Il Prof. Liviano Boschiero intervistato dal Presidente di Arte Comelico

Pubblicato il

In un pomeriggio di Agosto, nella suggestiva location della Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore, si sono riuniti i soci di Arte Comelico per ascoltare l’intervista all’Artista e amico Liviano Boschiero.

Un incontro suggestivo, ricco di interventi, un’ arte quella del Prof. Liviano raccontata con sapiente profondita’, immersiva per lo spettatore.

Molti gli spunti di riflessione regalati dall’Artista, la sua storia, il suo “modo di fare Arte”.

Partiti dalla genesi della sua opera abbiamo percorso tutta la sua storia, dalla fase giovanile, per arrivare ad un chiaro e definito tracciato formativo ed intellettuale che lo hanno portato dove e’ oggi.

Dipinti e sculture, intagli, l’uso sapiente di materiali diversi ma uniti fra loro.

Un bellissimo pomeriggio quello trascorso, un evento che da l’inizio alla nuova fase di Arte Comelico.

“Le 4 Stagioni di Arte Comelico”, questo il nome del nuovo ciclo artistico che dara’ vita, durante il mese di Agosto del 2021 ad una serie di incontri con gli artisti, tutti il venerdi’ alle ore 18 presso la Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore.

Arte Comelico riprende le sue attivita’ con energia credendo che l’Arte possa stimolare le persone attraverso il piacere provato nello stare assieme e nel raccontarsi.

Vi invito a visionare il video dell’intervista realizzata dal Presidente di Arte Comelico Andrea Costa al Prof. Liviano Boschiero.

www.artecomelico.com

Scopri i soci dell’Associazione

Se vi e’ piaciuto il video iscrivetevi al canale per restare sempre aggiornati sull’uscita dei prossimi video.

Andrea Costa e Liviano Boschiero

Ringraziamo Mario e Francesca della Cartolibreria Carducci per averci ospitato nella loro meravigliosa tenuta.

In primo piano

L’Angelo delle 3 Cime di Annamaria Bortolini.

Pubblicato il

L’ANGELO DELLE 3 CIME

Colgo con piacere l’invito degli amici di Arte Comelico a contribuire al dialogo artistico nel sito dell’Associazione con una riflessione su una mia opera pittorica. Durante l’ultima assemblea ho proposto questa modalità per arricchire lo scambio di idee e per approfondire la reciproca conoscenza. Data l’accoglienza favorevole, mi accingo a parlare di un mio quadro realizzato in occasione della mostra “Persone e luoghi dalle Dolomiti al Sile” presso Ca’ Robegan di Treviso, nel luglio dello scorso anno.

Da tempo mi riproponevo di accompagnare i miei quadri, quando possibile, con qualche riflessione scritta in primo luogo per me, per poter ricordare come era nata l’idea, quale spinta mi aveva fatto decidere di dipingere un determinato soggetto e soprattutto cosa ho provato o scoperto mentre lo realizzavo, quali emozioni ho vissuto e quali possibilità mi ha aperto.

Ecco allora come è nato “L’Angelo delle 3 Cime”.

Una sera un amico era venuto a cena da noi in uno dei suoi “momenti difficili”. Ci raccontò che, tempo addietro era salito alle tre Cime di Lavaredo e che aveva fotografato la statua di un Angelo monumentale situata appena più sotto della chiesetta che si incontra sul sentiero che porta al rifugio Lavaredo. La statua e in particolare lo sguardo lo aveva colpito tantissimo, al punto che lui, musicista, aveva composto un brano al pianoforte dedicato a questo Angelo.

Ascoltai il brano musicale: drammatico, incalzante, coinvolgente.

Mi feci mostrare la fotografia. Era davvero una statua imponente che si stagliava poderosa davanti alle 3 Cime. Strano, sono passata tante volte su quel sentiero ma non mi sono mai accorta della sua esistenza né tantomeno di qualche segnalazione che la riguardasse.

Mi feci inviare la foto dal nostro amico. Quell’Angelo mi parlava. Cercai qualche informazione sullo scultore che aveva realizzato quella statua, si trattava di Vittorio Morelli di Ancona, bersagliere di stanza ai piani di Lavaredo, data 1916. Il monumento fu dedicato ai bersaglieri dell’ottavo reggimento e a tutti i caduti nelle battaglie attorno alle Tre Cime. Alto 2 metri e mezzo, a prima vista sembra un’opera del ventennio fascista per la sua imponenza e per l’espressione del volto. Qualcuno lo ha chiamato l’Angelo guerriero ma, per quanto viene riportato dalle fonti, Morelli stesso precisò che la statua rappresenta lo “Spirito della Montagna”.

Riguardando la foto fui colpita di nuovo da quello sguardo: profondo, penetrante, puntato verso l’orizzonte infinito della pianura. Mi colpì anche la forma della spada, senza punta e conficcata in una serie di catene quasi a volerle rompere, catene adagiate una sull’altra come le spire di un serpente.

Sì – pensai – è davvero lo Spirito della Montagna, creato da un bersagliere scultore a memoria dei suoi compagni caduti nella grande guerra e che ora è là a proteggere le montagne da altre insidie….

Così mi sono messa a dipingere questo soggetto e ancora una volta dipingere è diventato per me un’occasione per conoscere di più il mondo che mi circonda, ed è un modo bellissimo, faticoso ma appagante. Lavorare con matite, colori e pennelli mi permette inoltre di dare forma a immagini antiche e simboliche che ritrovo dentro di me, un tesoro in comune con molti. E poi il silenzio e la concentrazione durante l’esecuzione, la delusione per un colore sbagliato ma anche la soddisfazione per un contrasto tonale riuscito: – quei licheni che hanno invaso il volto, bello quell’ocra aranciato, mi piace. I sassi, come si fanno i sassi? Ah, ecco, bellissimo, ci riesco – ……… Un continuo dialogo interiore.

Dipingendo l’Angelo ho voluto aggiungere un fiore nel basamento, un piccolo papavero retico, simbolo della vita che resiste.

A.M.Bortolini

Annamaria Bartolini
In primo piano

Si riparte!!!! Arte Comelico, un assemblea effervescente!

Pubblicato il

In un meraviglioso Sabato pomeriggio, coccolati dall’accoglienza magistrale di Mario e Francesca titolari della Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore si è tenuta l’assemblea annuale di Arte Comelico, dopo il lungo periodo di pausa forzata a seguito della pandemia.

In una location di sicuro pregio, i soci numerosi intervenuti, si sono riuniti ed hanno dato vita ad una pomeriggio ricco di idee, suggestioni, progetti, voglia di riprendere a fare qualcosa di bello.

Arte Comelico non di ferma mai, a breve partiranno delle iniziative nuove, con l’intento di portare a conoscere i soci del simposio attraverso delle interviste conoscitive del perché si fa arte, del perché e del come la si genera. Sarà un occasione unica per sperimentare e per conoscere a fondo i soci, i loro lavori, le loro emozioni.

Una serie di incontri aperti a tutti che Arte Comelico sta organizzando da tenersi presso la sede della Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore.

Un salotto, tre poltrone con l’artista in mezzo che si racconta ed emoziona i partecipanti facendo vedere alcuni dei suoi lavori. Entrando nel dettaglio, senza il filtro del critico. Ma direttamente da chi genera l’opera.

A fine agosto verrà realizzata una bellissima ex tempore di Pittura nella chiesetta di San Leonardo a Casamazzagno aperta ai soci ed amici.

Durante l’assemblea si è poi deciso di costituire il “Premio Are Comelico” da riconoscere una volta all’anno a personalità che si siano distinte nel campo dell’arte nelle sue più svariate espressioni.

Ricordiamo a tutti la bellissima rassegna dei miniquadri, attualmente esposta presso la Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore. Terza edizione di quattro, una volta completato il percorso la rassegna di oltre 120 opere sarà esposta a turno in tutti i paesi del Comelico.

Restiamo sintonizzati.

www.artecomelico.com

I soci di arte Comelico riuniti in assemblea
Mario e Francesca
Andrea Costa
In primo piano

Anna Maria Bortolini

Pubblicato il

ANNAMARIA BORTOLINI

Laureata in Scienze Biologiche, Innamorata della natura, scopre che la pittura e l’arte in generale consentono di conoscere in modo diverso la realtà che ci circonda. Da autodidatta inizia a dipingere ad acquerello, a tempera e ad olio. Frequenta corsi di affresco e pittura ad olio. Partecipa a diverse mostre collettive ed organizza due personali : a Roncade (TV) ed a Santo Stefano di Cadore (BL). Risiede e dipinge a Casale sul Sile (TV).

Cell. +39 339 4171996

Email: annamaria.bortolini@gmail.com

In primo piano

Liviano Boschiero

Pubblicato il

LIVIANO BOSCHIERO

Autodidatta fin da giovane, è alla ricerca di una propria espressività pittorica e scultorea. Modella la materia pittorica utilizzando inizialmente la spatola che lo porta a stendere il colore progressivamente, arrivando, anche quando si serve del pennello, a dare voce ai suoi soggetti, attraverso piccoli e vibranti tocchi. Frequenta corsi di pittura ad olio e si sperimenta nell’affresco. Nella pittura come nella scultura (bassorilievi) predilige i paesaggi. Con la scultura si sperimenta in ritratti utilizzando il legno arricchito da trasparenze di colori naturali ed ad olio.

Partecipa a diverse mostre collettive ed organizza due personali assieme alla moglie Anna Maria: a Roncade (TV) ed a Santo Stefano di Cadore (BL). Risiede e dipinge a Casale sul Sile (TV).

Cell. +39 347 8101783

Email: liviano.boschiero@gmail.com

In primo piano

Mario Fait

Pubblicato il

Nato a Rovereto (TN), ha frequentato negli anni 1966/1967 l’Istituto Statale di Arte Applicata di Trento, ove
ha preso coscienza del primo alfabeto artistico sotto la guida dei Maestri Marco Bertoldi, Carlo Pacher e
Guido Novello. Irrequieto e curioso ne ha interrotto presto la frequenza per avventurarsi nella propria
ricerca interiore.
Frequenta gli ateliè di alcuni Artisti in particolare dei Pittori roveretani Antonio Penasa e Pino Cestari,
esercitandosi nel disegno a matita carboncino ed inchiostro di china e nelle tecniche pittoriche olio,
acquerello, tempera, acrilico. Si interessa alla vita ed alla attività del celebre pittore futurista conterraneo
Fortunato Depero, morto nel 1960, che il caso ha voluto abitasse a poche decine di metri dalla sua casa di
origine e che nel corso dalla sua infanzia aveva intimamente e timorosamente osservato ed ammirato come
un Vate, un mito da seguire.
Dagli anni ’70 per motivi di lavoro ha vissuto tra Lombardia e Veneto, stabilendosi nel 1980,
definitivamente, a Santo Stefano di Cadore.
Ha al suo attivo, ad oggi (2020), quattro mostre personali ed ha partecipato a numerose esposizioni
collettive e manifestazioni artistiche in ambito locale a Santo Stefano di Cadore, Campolongo, Dosoledo,
Padola, Danta, S. Pietro di Cadore, Sappada in Cadore tra Tai, Domegge, Lozzo, Cibiana, a Dobbiaco, Rovigo,
Trieste, Cividale del Friuli.
Ha opere sparse in collezioni private nelle Province di Trento, Sondrio, Bolzano, Vicenza, Belluno, Padova,
Bologna, Forlì, Roma, Milano, Treviso, Perugia, Chieti, La Spezia, Massa Carrara. A Chambery in Francia, a
Zurigo in Svizzera.
Sue opere si trovano presso il Museo della Cultura Alpina di Padola di Comelico Superiore (BL). Nelle Sedi
del Gruppo Musicale e della Associazione Amici del Museo presso la Regola Comunione Familiare di
Costalta in San Pietro di Cadore (BL). A Santo Stefano di Cadore presso la Biblioteca Comunale, nella
Cappella del Cimitero Militare Monumentale, nella Chiesa Oratorio della Madonna delle Grazie.
Ha collaborato assieme ad altri Artisti alla illustrazione di alcuni libri di racconti e testi musicali ed è autore
di alcuni volumi a tema storico artistico naturalistico sul Comelico.
E’ tra i soci fondatori della Associazione Arte Comelico Ladino.
E’ socio accademico del GISM Gruppo Italiano Scrittori di Montagna – Accademia di Arte e Cultura Alpina.
Nel 2013 la “folgorazione sulla via di Damasco”: aderisce alla proposta del Maestro Vico Calabrò, con il
quale aveva già un pluriennale dialogo di arte ed amicizia, di seguirlo per approfondire la tecnica della
pittura ad Affresco. Inattesa scoperta di un mondo dell’arte dentro il mondo dell’arte. Due corsi base di
quella tecnica con il Maestro a S. Stefano assieme ad altri nove artisti locali, tre viaggi a Treglio in Abbruzzo,
a Zamosh in Polonia, a Plovdiv/Filippopoli in Bulgaria ad assistere il Maestro e, a seguire, una fortunata
serie di combinazioni di tempo, committenze, idee che hanno favorito l’esecuzione di una infilata di dipinti
ad Affresco su pareti esterne ed interne per privati, Enti e Associazioni, in varie località del Comelico.
Attività intensa laboriosa interessante ed appassionata svolta talvolta da solo talvolta in collaborazione con
gli amici del Gruppo Frescanti, soprattutto a S. Stefano, Costalissoio, Casada, Val Visdende, Campitello,
Danta, Valle di S. Pietro di C., Calalzo.
Nel frattempo Calabrò lo invita ad entrare nella sua Scuola Internazionale per la Tecnica dell’Affresco, ad
avviarne una Sezione a S. Stefano. Così, ad oggi, ha organizzato e diretto 11 corsi base di affresco ai quali
hanno partecipato complessivamente 29 frequentatori provenienti dal Comelico tra Costalta Casada e
Padola, Calalzo, Vigo, Laggio, Auronzo, Lozzo, Treviso, Padova, Rovigo, Pavia, Vicenza, Belluno.
E ancora, sempre grazie all’interessamento illuminato di Calabrò organizza e predispone in Comelico la
esecuzione di affreschi in collaborazione con Frescanti di provenienza internazionale. Così a Costalta

assieme ad una Polacca, un Messicano ed un Maltese. A Dosoledo con un Argentino. A S. Stefano con
quattro Bulgari.
Nel corso del triennio 2017/2020 viene eletto a fare parte del Direttivo della Scuola Internazionale della
Tecnica dell’Affresco che ha sede presso il Santuario dei Ss. Vittore de Corona ad Anzù di Feltre, incarico
che al termine del mandato lascia per riconcentrarsi a seguire il proprio spirito ancora instancabilmente
irrequieto e curioso di sempre nuovi orizzonti.
Hanno scritto di lui Vico Calabrò, Alessandra Cason, Michela Danieli, Antonio Chiades, Yvonne Toscani,
Guido Buzzo, Lucio Eicher Clere, Stefano Vietina, Enrica Bazzali, Bepi Pellegrinon.
Vive e lavora a Santo Stefano di Cadore in Via Medola n. 38. Cell. 347.9000936

In primo piano

Storia di come una graphic designer diventa amanuense… di Serena Da Vià

Pubblicato il

Forse per le forme libere e astratte, o forse per l’abbondanza di colori, durante il periodo di studi superiori alla Scuola d’Arte fui fortemente attratta dalla street art. Intendiamoci: non le imbrattature su treni e monumenti, ma quella particolare forma comunicativa urbana di gruppi e gang americane a forte identità interna che dalla prima metà del XX secolo utilizzavano i graffiti per delimitare un territorio urbano controllato dal clan (anche se il confine tra graffiti e vandalismo non risulta ancora oggi così netto). Una diretta derivazione dalla tradizione dei subway graffiti newyorkesi è rappresentata dalla graffiti art, comunemente detta hip-hop o New York style graffiti.

L’idea di stravolgere graficamente una parola fino ad apprezzarne più l’impatto visivo che il significato mi stimolò per molti anni, e per molto tempo sperimentai (solo su carta) questa forma di comunicazione realizzando con il mio soprannome (Sere) o con i mio nikname (Sharp) molti coloratissimi elaborati.

Il mio sviluppo lavorativo ha seguito all’incirca la stessa strada, e sull’onda delle nuove risorse tecnologiche e comunicative mi sono dedicata al web, alla grafica digitale, alla pubblicità ed ai social.

Come dunque sono arrivata alla “bella scrittura”?

Solitamente il percorso dei writers, o per lo meno di quelli che svolgono questa attività per mestiere, personaggi ormai riconosciuti a livello internazionale come artisti, si basa in primis in un approfondito studio della scrittura, delle sue origini, dei graffiti preistorici; poi lo studio della calligrafia, delle varie forme, degli stili specifici per ogni periodo storico; ed infine, questi (che ormai possiamo definire calligrafi) elaborano la loro personale forma comunicativa legata alla scrittura e la riportano nei loro lavori, che la maggior parte della volte sono commissionati da enti o aziende che mirano ad abbellire e riqualificare alcuni quartieri urbani o strutture delle città (con l’approvazione delle comunità e dei proprietari degli immobili interessati).

Il mio percorso è stato tutto all’opposto: il fascino dalla street art mi ha portata a sperimentare lo stravolgimento della forma (lettera), col passare degli anni ho approfondito la mia conoscenza sulla calligrafia, ad appassionarmi ad alcuni stili, e con naturalezza mi sono ritrovata ad ammirare e poi riprodurre i capilettera miniati degli antichi libri amanuensi.

Probabilmente è stato, il mio, un percorso in linea con le mie età… credo sia forse più ovvio, in età giovanile, restare affascinati dai coloratissimi graffiti metropolitani piuttosto che dalle antiche pergamene…

Ho iniziato quindi qualche anno fa, ad avvicinarmi, con tutto il rispetto necessario per questa nobile forma d’arte, alle riproduzioni amanuensi. Ho sperimentato inchiostri, pennini, carta di varie composizioni, fino ad arrivare alla pergamena animale… ho iniziato ad usare i pennelli (che, non so per qual motivo, a scuola odiavo), a sperimentarne le varie tipologie, animali e sintetiche, usando gli acquerelli, poi le tempere… successivamente mi sono avvicinata al mondo dei pigmenti e degli inchiostri antichi… ed infine ho scoperto l’oro (sul quale sto attualmente studiando con un maestro miniatore).

Ogni scoperta, ogni sperimentazione, mi catapulta in un tempo che sembra perduto… le ricette hanno un sapore di stregoneria, i miscugli di alchimia… ed il tutto ha un fascino antico ed un ritmo talmente lento da avvincermi ed del quale, sono convinta, ogni persona di questo mondo caotico avrebbe bisogno…

Mi sento quindi di augurare un buon lentissimo Natale a tutti.

Pᴜᴇʀ ɴᴀᴛᴜs ɪɴ Bᴇᴛʜʟᴇʜᴇᴍ…

Miniatura tratta dai Corali di San Marco – Firenze- 1440•1530 riprodotta con inchiostro ferrogallico, tempere all’uovo di ricetta antica e simil foglia oro, su pergamena animale

In primo piano

Speciali Auguri di Buon Natale dai soci di Arte Comelico

Pubblicato il

Da questo 2020 ci portiamo a casa tanti pensieri, molti momenti difficili, aspetti di vita che fino a poco tempo fa sembravano impensabili.

In questo contesto in continua evoluzione Arte Comelico ha pensato di alleggerire per quanto possibile questo tempo con un messaggio positivo, di speranza, volto ad un futuro diverso.

Nell’ambito di questo progetto, Arte Comelico ha pensato di coinvolgere i propri soci chiedendo loro di realizzare uno SPECIALE AUGURIO di Buone Feste!!!

Oggi vi presentiamo gli Auguri “Particolari” del nostro scultore apprezzato anche fuori dai confini Nazionali!!!

ANGELO BARILARI

“Questa è la mia opera per gli auguri di Natale

Natività realizzato su legno di ciliegio e castagno basso rilievo in legno di cirmolo

Alleluia
Luce di una stella
e un candido mantello
avvolgono il bimbo
In una notte silenziosa
vicino a te scaldano i cuori angeli celesti
Sospesi su nuvole
porti con te gioia divina
e i bimbi cantano un inno per te
tra i pastori fai la nanna
Giuseppe e Maria pregan per te
o redentore venuto tra noi portatore di pace e amore. 

AUGURI DI BUON NATALE

Angelo Barilari

In primo piano

“Luoghi e Persone : Dalle Dolomiti al Sile” l’intervento del Presidente di Arte Comelico.

Pubblicato il

“Luoghi e Persone : Dalle Dolomiti al Sile”

Sono i principi della fratellanza, dell’unione tra popoli, dell’amicizia, della solidarieta’, quelli che contraddistinguono la realizzazione di questo importante evento.

Tutto e’ partito nel 2019 quando, in un meraviglioso paese di montagna coccolato ed abbracciato dalle Tre Cime di Lavaredo, si e’ deciso, grazie alla sensibilita’ dell’Amministrazione Comunale di Auronzo, di organizzare un evento che celebrasse l’importante ricorrenza della fondazione Dolomiti Unesco. 

In quell’occasione tre importanti realta’ si sono incontrate, conosciute, stimate ed apprezzate ed hanno dato vita all’esposizione “Dolomiti: Un Mondo”, contenitore ricco di 130 opere d’arte.

L’associazione Arte Comelico, Il Circolo Morales, L’associazione Artisti Trevigiani.

L’amicizia che ne e’ scaturita, il senso di vicinanza, la percettibile forza nata dall’incontro di gente di montagna, pianura, citta’, ha dato il via ad una nuova avventura, ricca di emozioni, di viaggi, di incontri, di sensazioni. Da li l’idea di continuare con la realizzazione di un altro importante evento, titolato “Luoghi e Persone : Dalle Dolomiti al Sile”.

Arte Comelico, con i suoi artisti associati, persone ricche e vivaci nelle menti, aperte al nuovo, sensibili a tutti i temi piu’ tipici della fraterna armonia. Il Circolo Morales di Belluno, importante realta’ che ha saputo cogliere, trasmettere e potenziare il tutto. L’Associazione Artisti Trevigiani, nucleo in continuo fermento, caratterizzato da una compagine amica, unica, vera.

Tre realta’ che si sono unite nell’anima per realizzare con il cuore una rassegna potente, di grande qualita’, contenente mestieri, luoghi, persone, abitudini, stili di vita.

Un connubio tra genti, popoli Veneti uniti e caratterizzati ognuno dalle proprie tradizioni, figlie di valori importanti trasmessi dai nostri avi.

Arte Comelico presenta le opere di importanti artisti, alcuni di loro conosciuti anche fuori dai confini nazionali, pitture e sculture di pregio che lasciamo valutare ed apprezzare al visitatore.

La montagna abbraccia la pianura, la protegge, si unisce a lei con delle danze armoniose e colorate, con il sentimento e l’estetica.

Un particolare ringraziamento a chi ha pensato, fortemente voluto ed organizzato questo importante evento, in particolar modo L’associazione degli Artisti Trevigiani, Il Circolo Morales, il direttivo e soci de Arte Comelico,  l’Assessorato alla Cultura del Comune di Treviso, le Province di Belluno e Treviso, la Regione Veneto e la Fondazione Unesco.

Andrea Costa

Presidente dell’Associazione Arte Comelico

In primo piano

MOSTRA “LUOGHI E PERSONE: DALLE DOLOMITI AL SILE” A TREVISO. 4 Luglio inaugurazione

Pubblicato il
MOSTRA “LUOGHI E PERSONE: DALLE DOLOMITI AL SILE” A TREVISO
Dal 3 al 26 luglio 2020
 
Venerdì 3 luglio 2020 sarà visitabile la mostra “Luoghi e Persone: dalle Dolomiti al Sile” presso il Museo Ca’ Robegan – Ca da Noal a Treviso che vede esposte, in una mostra collettiva, le opere dell’Associazione “Arte Comelico”, del Circolo Artistico Marco Morales e dell’Associazione Artisti Trevigiani.
  
In totale sarà presente un centinaio di opere tra quadri, sculture, foto, ed incisioni che racconteranno la terra veneta. Si tratta di un percorso antropologico, paesaggistico, storico ed enogastronomico dei vari ambienti che collegano le Dolomiti al fiume Sile. 
  
Curatrice della mostra sarà la dott.ssa Ombretta Frezza, storico dell’arte. 
  
La mostra “Luoghi e Persone: dalle Dolomiti al Sile” gode del patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Treviso, delle Province di Belluno e di Treviso, della Regione Veneto, del MIBAC (Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dell’Unesco dato che le colline di Conegliano Valdobbiadene e le Dolomiti sono patrimonio mondiale dell’Unesco. 
   
   
INFORMAZIONI SULLA MOSTRA “LUOGHI E PERSONE: DALLE DOLOMITI AL SILE” A TREVISO
La mostra “Luoghi e Persone: dalle Dolomiti al Sile” presso il Museo Ca’ Robegan – Ca da Noal a Treviso sarà visitabile con i seguenti orari:- dal martedì alla domenica: dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.00.Chiuso il lunedì.

www.artecomelico.com

In primo piano

Rassegna de “I 4 Elementi”: 2a edizione. Web Art.

Pubblicato il

La famosa rassegna dei 4 Elementi promossa da Arte Comelico, che e’ giunta nel 2020 al secondo anno, doveva essere presentata a Pasqua nei locali del Museo di Palazzo Corte Metto in Auronzo di Cadore grazie all’interessamento ed alla disponibilita’ del Comune.

Quest’anno, a causa delle note vicende relative al corona virus, la rassegna viene “trasformata” e realizzata sotto una nuova veste……

I 4 Elementi di Arte Comelico diventano WEB ART.

Una rassegna on line, dinamica, giovane, innovativa.

L’idea di trasformare la rassegna fisica in una rassegna virtuale nasce dalla Maestra d’Arte Olga Riva Piller di Sappada, che ringraziamo e salutiamo.

Tutti gli artisti che hanno partecipato alla prima edizione, presenteranno le opere della seconda ON LINE.

Ogni artista si raccontera’, illustrera’ il suo lavoro dal WEB.

Restate sintonizzati sul sito di Arte Comelico, le notizie continueranno ad essere frequenti ed aggiornate.

I 4 ELEMENTI: ARIA ACQUA TERRA FUOCO

In primo piano

Donatella Fioranzato. L’arte di impreziosire.

Pubblicato il

Meravigliose le opere realizzate da Donatella su dei Preziosi mobiletti di legno.

Il suo intervento pittorico rende il supporto ligneo decisamente interessante e lo completa con un tocco raffinato.

Ama decorare con i pennelli e con i colori dei bellissimi mobiletti di legno che vengono impreziositi dalla sua grande maestria. Oggetti ricchi di storia che spesso hanno contenuto segreti e storie affascinanti oggi impreziositi da colori meravigliosi sapientemente miscelati ed adagiati.

Continuate a seguire le nostre storie sul sito internet dell’associazione www.artecomelico.com

Comelico di Fioranzato Donatella
In primo piano

Angelo Barilari, scultore raffinato, presenta: Il Sole Nero

Pubblicato il

Vi segnalo un opera di Angelo Barilari, raffinato scultore associato ad Arte Comelico.

L’opera realizzata, e’ ricavata da legno di riciclo, radici, pietra di agata e base di legno di cirmolo.

Dedicata all’alluvione “Vaia” del 2018 che colpi’ duramente le Dolomiti.

Titolo: Il Sole Nero Autore: Angelo Barilari

Visitate il sito www.artecomelico.com per restare sempre aggiornati.

In primo piano

Il grande carnevale di Arte Comelico.

Pubblicato il

Grande successo per la bellissima iniziativa di Arte Comelico che ha organizzato una meravigliosa serata per festeggiare il carnevale presso la cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore.

Numerosissimi i partecipanti che hanno colto con il Giusto spirito iniziativa promossa dall’Associazione.

La serata è stata allietata da Gloria ed Eleonora Pradetto, sapienti musicanti che hanno intrattenuto i convenuti.

Restate sintonizzati e continuate a seguire le nostre iniziative sul sito internet dell’associazione.

Www.artecomelico.com

In primo piano

Arte Comelico presenta il Festival delle Dolomiti a Cibiana ospite al Taula’ Dei Bos.

Pubblicato il

Arte Comelico in collaborazione con il Taula’ Dei Bos, meraviglioso ristorante di Cibiana e con il contributo del Caffe’ Letterario di Fabrizio, presenta il FESTIVAL DELLE DOLOMITI.

Una ricca rassegna di incontri, mostre, concerti, libri, musica, voci.

Luglio ed Agosto 2020.

A brevissimo il programma completo della manifestazione.

Continuate a seguire il sito www.artecomelico.com per restare aggiornati!!!!

In primo piano

Paola Cesco Frare ci racconta i “Ritorni a Valle” di Mario Crespan. Sabato 7 Dicembre alle ore 17.00

Pubblicato il

Sabato 7 Dicembre 2019 alle ore 17.00 Paola Cesco Frare ci raccontera’ Mario Crespan nei suoi “Ritorni a Valle”.

Un libro importante, un racconto biografico nel quale la stessa Paola diventa in parte protagonista, un viaggio lunga la vita del Prof. Mario Crespan, i suoi viaggi, il suo amore per l’arte.

Una storia affascinante sapientemente raccontata da chi l’ha vissuta specularmente.

Paola Cesco Frare ci illustrera’ con approfondita analisi e studio l’opera.

La serata proseguira’ con un incontro tra soci per gli auguri di Natale.

Piazzetta degli Artisti, Santo Stefano di Cadore, Cartolibreria Carducci.

Dalle ore 17.00. Non mancate.

www.artecomelico.com

Il libro “Ritorni a Valle” di Mario Crespan
In primo piano

La castagnata di ArteComelico. Un successo!!!!

Pubblicato il

Un pomeriggio strepitoso quello trascorso dai soci di arte comelico accorsi numerosi alla castagnata organizzata dall’associazione.

“Eravamo talmente in tanti da non starci…” ci raccontano Mario e Francesca che ci hanno sapientemente ospitato presso la sede della Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore.

Continuate a seguirci.

Iscrivetevi ad Arte Comelico se volete aggregarvi alle nostre iniziative!!!

www.ArteComelico.com

In primo piano

Erminio Carbogno ed Avio De Lorenzo selezionati con merito nel Simposio di scultura a Cordignano

Pubblicato il

Un enorme successo quello ottenuto dal nostro socio Erminio Carbogno a Cordignano, il simposio di scultura si e’ palesato ricco di grande qualita’. Assieme ad Erminio presenti anche l’amico Avio De Lorenzo ed altri numerosi partecipanti scultori.

Straordinaria la visita di Mauro Corona che ha suggellato, arricchendola, la manifestazione.

Erminio Carbogno ha dedicato la sua prestigiosa opera titolata “L’attesa..” al fratello Francesco ed a Giorgia, sua moglie.

Un opera realizzata in cirmolo con la sua nota maestria.

www.artecomelico.com

In primo piano

Video di Annamaria De Zolt intervistata dal Presidente di Arte Comelico Andrea Costa nella nuova rubrica “A tu per tu con l’Artista”.

Pubblicato il

A tu per tu con l’Artista

La nuova rubrica di ARTE COMELICO

Arte Comelico TV incontra Annamaria De Zolt, meravigliosa artista residente in Comelico Superiore ma dalle origini di Campolongo.
Guardate la sua biografia, le sue opere, l’intervista video.

A tu per tu con l’Artista …… Annamaria de Zolt

Continuate a visitare il nostro sito, se vi e’ piaciuto il video mettete un like ed iscrivetevi al canale YouTube per restare sempre aggiornati.

www.artecomelico.com

Visita la pagina di Annamaria De Zolt. Troverai alcune sue opere.

In primo piano

Le nostre Artiste associate sono MERAVIGLIOSE !!!!!

Pubblicato il

Cosa c’e’ di meglio di passare dei pomeriggi in compagnia disegnando, colorando, sorridendo ed imparando????

Le nostre amiche socie di Arte Comelico si incontrano e si confrontano, stanno assieme, crescono vivendo l’arte nella sua forma piu’ genuina.

In compagnia!!!

Associatevi anche voi ad ARTE COMELICO.

Viva Arte Comelico ed i suoi soci!!!!

Le nostre mitiche socie!!!!

Visita anche tu il sito di Arte Comelico.

In primo piano

Gita a Verona per visitare la mostra :”Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky. Capolavori dalla Fondazione Maeght – Palazzo della Gran Guardia”.

Pubblicato il

Sono aperte le iscrizioni per la gita a Verona del 10 Gennaio 2020 (Venerdì) organizzata da Arte Comelico.

Visiteremo la mostra “”Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky” e i Presepi dal Mondo.

Il programma prevede la partenza da Santo Stefano alle ore 6.30, arrivo a Verona, visita dei Presepi, visita di Piazza Bra, Via Mazzini, Piazza delle Erbe, Piazza Dante.

Pranzo libero.

Ingresso alla mostra alle ore 15.00 con visita guidata.

Nella quota di Euro 65 e’ compresa la corriera, l’ingresso alla mostra ai Presepi e la guida.

Il pranzo e’ libero, ognuno puo’ organizzarsi come preferisce.

I posti disponibili sono 25, la gita e’ aperta ai soci e familiari.

Le iscrizioni si possono effettuare chiamando Marinella, la segretaria dell’associazione.

Rientro in serata.

www.artecomelico.com

Per visitare il sito della mostra ecco il sito di linea d’ombra.

Chagall un opera
Presepi dal Mondo
In primo piano

La grande castagnata di Arte Comelico.

Pubblicato il
La grande castagnata del 2019 di Arte Comelico

Si terrà sabato pomeriggio 16 novembre 2019 presso la Cartolibreria Carducci la grande castagnata di Arte Comelico.

Tutti i soci e simpatizzanti sono invitati all’evento.

L’evento verrà allietato dalle sapienti musiche di Leandro Da Via’ che intratterrà tutti con canti e balli.

Non mancheranno le castagne ed il vino a riscaldare i cuori e a rallegrare le menti.

Non mancate, restate sintonizzati e continuate a visitare il sito www.artecomelico.com per ottenere aggiornamenti in tempo reale.

In primo piano

Turriaco incontra Arte Comelico. Il direttivo della Pro Loco in visita a Santo Stefano di Cadore

Pubblicato il
La Pro Loco di Turriaco in visita ad Arte Comelico. Ottobre 2019.

Il direttivo della Pro Loco di Turriaco rappresentato dal gentilissimo Paolo fa visita ad Arte Comelico nella sede della Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore.

L’incontro ha offerto l’occasione per instaurare un’ amicizia che lega il Comelico alla Provincia di Gorizia.

Paolo, Presidente della Pro Loco, ha illustrato ai presenti le attivita’ della Pro Loco ed ha raccontato con sapiente competenza le attivita’ svolte ed il suo territorio.

Andrea ed il Direttivo di Arte Comelico hanno apprezzato molto la visita e si sono resi disponibili a future collaborazioni.

Arte in Vetrina che si terra’ da Dicembre a Gennaio 2020 in Turriaco ospitera’ i lavori di Arte Comelico.

Continuate a seguirci sul sito www.artecomelico.com o sul sito www.artebisiaca.it

In primo piano

La Pro Loco di Turriaco invita Arte Comelico.

Pubblicato il

L’ evento si svolgerà a Turriaco dove ben 23 sono le attività economiche che partecipano alla mostra diffusa “Arte bisiaca in Vetrina”, giunta alla sua dodicesima edizione e tesa a valorizzare le numerose espressioni artistiche del Monfalconese e promuovere le attività economiche.

Nelle vetrine e all’interno dei locali aderenti all’iniziativa della Pro Loco Turriaco, dal 2 dicembre al 6 gennaio, saranno esposte le opere realizzate dagli iscritti all’associazione Arte Comelico presieduta da Andrea Costa.

Il taglio virtuale del nastro il 1 dicembre, alle 11, a Turriaco.

Ringraziamo la Pro Loco di Turriaco per il gradito invito.

In primo piano

Continua il successo del “MINIQUADRO” a S. Stefano di Cadore

Pubblicato il

Un successo di pubblico e di critica quello raccolto dalla mostra del miniquadro a Santo Stefano di Cadore.

La rassegna continua ad essere visitata da molti appassionati e curiosi. Aperta tutti i giorni a chi desidera ammirare le opere degli Artisti di Arte Comelico realizzate in occasione della mostra tenutasi ad Auronzo di Cadore al palazzo Corte metto nella Pasqua del 2019.

Www.artecomelico.com

Nella foto a sinistra il presidente di artecomelico Andrea Costa assieme alla segretaria Marinella Baggio ed al custode della sala espositiva di Santo Stefano
In primo piano

“Stanze e Presenze”, la casa dei Frare a S.Pietro di Cadore

Pubblicato il

Verrà inaugurata Sabato 17 Agosto alle ore 18.00 presso “LA CEDA DLA POSTA” a Costalta di S. PIETRO in Comelico, l’interessante rassegna di fotografie, terrecotte, disegni, acquarelli e dipinti ad olio di MARIO CRESPAN e PAOLA CESCO FRARE.

L’evento promosso da COSTALTARTE, dall’ associazione AMICI DEL MUSEO DI COSTALTA e dalla REGOLA DI COSTALTA, sarà accompagnato dalle musiche dal vivo del TRIO ACUSTICO MUSCOLINO, GANASSIN, MARCHESINI.

La mostra è visitabile tutti i giorni fino al 31 Agosto 2019 con i seguenti orari: 10.30 12.30 e dalle 16.00 19.00

Www.artecomelico.com

In primo piano

Il gruppo dei Frescanti. Dimostrazione a Danta in occasione della giornata dei mestieri.

Pubblicato il

I Frescanti effettuano una importante dimostrazione a Danta di Cadore in occasione della giornata di festa organizzata il 13 Agosto 2019.

Il gruppo ha effettuato delle prove pratiche sul campo con materiali, colori e supporti dedicati all’ arte dell’affresco.

La gente incuriosita si fermava a chiedere.

Una tecnica antica, complessa, una scuola affermata quella dei Frescanti.

ArteComelico è onorata di poter avere tra i suoi soci la scuola di pittura e di affresco.

 

Per informazioni sui corsi e sugli incontri che Arte Comelico realizza scrivete una mail o contattateci.

Www.artecomelico.com

 

 

In primo piano

Arte Comelico presenta “Aperitivo con l’Artista” L’Artista Renata Olivotti di Cibiana si racconta.

Pubblicato il

Domenica 11 Agosto alle ore 17.30 presso la Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore (BL) Arte Comelico organizza APERITIVO CON L’ARTISTA.

Durante la serata, Il Presidente dell’Associazione Arte Comelico Andrea Costa presentera’ l’Artista di Cibiana Renata Olivotti.

Renata, stimata e riconosciuta da tutti per le sue opere di sicuro pregio, raccontera’ il suo modo di fare arte nella splendida location offerta dalla Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore.

Finita la presentazione delle opere verremo allietati dalle musiche del socio Leandro Da Via’ che ci intratterra’ per la successiva serata danzante.

Non mancate, continuate a seguirci e visitate il sito www.artecomelico.com

Iscrivetevi al canale YouTube di Arte Comelico per restare sempre aggiornati.

Un opera di Renata Olivotti di Cibiana.
In primo piano

“Aperitivo con l’Artista”, la nuova rubrica ideata da Arte Comelico in collaborazione con la Cartolibreria Carducci di S. Stefano di Cadore. Oggi Sara Casal si racconta. Il Video.

Pubblicato il

Viene inaugurata la nuova rassegna ideata da Arte Comelico in collaborazione con la Cartolibreria Carducci di Santo Stefano di Cadore.

Francesca e Mario, titolari dello spazio espositivo, riescono con il loro atelier a raccontare storie nuove, eventi inaspettati.

Apriamo il ciclo di “Aperitivo con l’Artista” con Sara Casal, artista originaria di Zoldo che ha da poco esposto al Palazzo Corte Metto di Auronzo di Cadore.

Un progetto il suo che in tre anni di lavoro ha saputo interpretare le opere poetiche del grande poeta portoghese M. Hernandez.

Il video con la presentazione della serata viene pubblicato integralmente per poter dar modo a chi non ha potuto partecipare di rivivere quei momenti di sicuro interesse.

Buona visione.

Il Presidente

Andrea Costa

In primo piano

Renata Olivotti espone al Palazzo Corte Metto in Auronzo di Cadore

Pubblicato il

Una grande rassegna pittorica della nostra socia Renata Olivotti.

Dal 2 Agosto 2019 si apre l’interessante mostra organizzata dall’ Amministrazione Comunale di Auronzo di Cadore.

Renata Olivotti

propone

“LUNGO VIAGGIO DALLA FIGURAZIONE ALL’ASTRAZIONE”.

La mostra rimarra’ visibile fino al 31 Agosto negli orari di apertura del Museo.

INAUGURAZIONE SABATO 3 AGOSTO ALLE ORE 17.00

www.ArteComelico.com

In primo piano

Aperitivo con l’Artista. Sara Casal presenta se stessa.

Pubblicato il

Arte Comelico inaugura Sabato 27 Luglio 2019 il nuovo ciclo de “Aperitivo con l’Artista”.

L’artista presenta se stesso, i suoi lavori, il suo modo di fare arte.

Dove?

Cartolibreria CARDUCCI a Santo Stefano di Cadore

Quando?

Sabato 27 Luglio 2019 alle ore 17.00

Non mancate, e’ una grande occasione per incontrare live l’artista con le sue emozioni, le sue opere, i suoi pensieri.

www.artecomelico.com

In primo piano

Fienile in Arte 2019. Il video dell’inaugurazione.

Pubblicato il
L’inaugurazione della rassegna ideata e promossa dall’Artista Giusto De Bettin.

Si è inaugurata la bellissima rassegna pittorica “Fienile in Arte” ormai giunta alla 10a edizione.

Un iniziativa voluta e promossa dall’Artista Giusto De Bettin di Costalta, che mette a disposizione la sua meravigliosa Baita quale contenitore creativo.

10  edizioni, una storia di successo. 

Un evento di sicuro interesse che ANIMA Costalta. 

ArteComelico e Costaltarte promuovono e in sinergia offrono ogni anno una serie di eventi importanti e di grande qualità’.

Non mancate. 

Www.artecomelico.com

In primo piano

Un grande successo la mostra di Renata Olivotti.

Pubblicato il

Una vernice mozzafiato quella tenutasi a Cibiana al Taula’ Dei Bos.

Interventi musicali a cura del Maestro Moro Franco

Le dolci note del Soprano Dominika Zamara

Il saluto del Sindaco di Cibiana Mattia Gosetti

Una rassegna di prestigio dove la nostra socia ed amica Renata Olivotti di Cibiana ha saputo integrarsi con eleganza proponendo un opera di indiscussa qualita’.

Taula’ Dei Bos dal 14 Luglio al 15 Settembre

www.artecomelico.com

In primo piano

Scalpelli e Pennelli in Ceda Sai a COSTALTA

Pubblicato il

Si inaugura domani 20 Luglio 2019 alle ore 18 presso il museo CASA SAI, adiacente al Museo Etnografico di COSTALTA in Provincia di Belluno la bella mostra degli scultori Erminio Carbogno di Padola di Comelico Superiore, di Giandomenico Menia di Danta e di Giusto De Bettin di Costalta.

Non mancate.

Le opere saranno visibili tutti i giorni dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00

www.artecomelico.com

In primo piano

Fienile in Arte 2019. Costalta. 10 edizione

Pubblicato il

Verra’ inaugurata Domenica 21 Luglio 2019 alle ore 17.00 la decima edizione di “Fienile in Arte” di Giusto De Bettin.

Un edizione speciale che vedra’ esporre i pittori Giusto De Bettin assieme a Isabella Bedon, gli scultori Marco De Lorenzo e Avio De Lorenzo.

La rassegna, ospitata nella BAITA meravigliosa di Giusto, nostro socio, restera’ aperta fino al 18 Agosto con i seguenti orari:

Tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00

Non mancate di visitare l’iniziativa, realizzata da Giusto De Bettin in collaborazione con COSTALTARTE.

Gli artisti espongono in localita’ PREDA sulla strada tra COSTALTA e FORCELLA ZOVO.

In primo piano

La nostra socia RENATA OLIVOTTI espone al Taula’ Dei Bos a Cibiana di Cadore

Pubblicato il

Renata Olivotti nota artista di Cibiana espone al Taula’ Dei Bos in occasione della rassegna “CAN I SAY SOMETHING?”

Una bella occasione per assaporare la qualita’ dell’opera di Renata Olivotti e degli artisti partecipanti.

Dal 14 Luglio al 15 Settembre 2019

INAUGURAZIONE il 14 Luglio alle ore 18

Polo Culturale Taula’ Dei Bos Cibiana di Cadore BL

In primo piano

Recensione critica della Dott.ssa Barbara Bortot. Dolomiti: Un Mondo.

Pubblicato il

A seguire la nota critica della Dott.ssa Barbara Bortot che ringraziamo per la splendida collaborazione fornita in occasione della mostra Dolomiti:Un Mondo realizzata ad Auronzo di Cadore nell’estate 2019.

DOLOMITI: UN MONDO

Le opere presenti di ArteComelico sono 41. Idealmente possiamo distinguerle in due gruppi. Un corpus, dove collochiamo quadri e sculture di richiamo oraziano dell’ ut pictura poesis, è caratterizzato dall’EQUILIBRIO. Qui le Dolomiti sono la sua flora e fauna, le creature fantastiche che ne popolano i boschi, lo scorcio di un villaggio, il profilo di un monte, la visione di un lago o di una luna piena, scene di vita quotidiana, la rappresentazione di una tradizione locale, di un personaggio noto, paesaggi cartolina e sono persino satira stimolante.

L’altro gruppo, invece, è formato da lavori in cui c’è TENSIONE. E’ la tensione a mettere in relazione una linea, un colore (può essere anche un piccolo spruzzo di rosso, o un’intera tela di juta) con lo spazio. E’ attraverso la tensione che l’artista raggiunge il suo oggetto, il mondo delle Dolomiti appunto, in una sintesi di fragilità e potenza.

Certamente se fosse stata realizzata prima dello scorso ottobre, la mostra avrebbe avuto un’identità diversa. E’ proprio vero quello che ancora oggi leggiamo scolpito sul frontone del Teatro Massimo di Palermo: “L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita”.

Non a caso, a mio avviso, nelle opere di ArteComelico, l’uomo non c’è. Non è attivo, ma piuttosto contemplativo. Lo sciatore, l’alpinista sono statici, non sono ritratti mentre affrontano una discesa o si arrampicano. E ancora il contadino che falcia, occupa sì quasi l’intera scena, ma non ha un volto. Il menadas, che faceva fluitare i tronchi lungo i torrenti impervi dell’alta montagna, sembra in fase metamorfica, più simile al tronco che sta cercando di domare che ad un essere in carne ed ossa. L’uomo non c’è perchè non è lui il protagonista. In un futuro più vicino possibile, la natura ritornerà ad avere il suo ruolo, il suo spazio e l’uomo tornerà ad amarla e rispettarla.  Allora ecco che l’occhio gigante esposto in una sala non è tanto quello della Terra che piange per le ferite subite e che le infliggiamo, bensì è l’occhio del nuovo uomo che ha preso coscienza del suo egoismo e comportamento. Ed ecco che la lama della falce del contadino sopra citato, in una cessazione  del conflitto uomo – natura, si piega, si distende e si svolge in una bandiera bianca verso le Dolomiti.

Barbara Bortot

Art promoter e critica d’arte – Vicepresidente Associazione Casa d’Europa Dolomiti

In primo piano

Un successo di pubblico e critica la mostra DOLOMITI: Un Mondo.

Pubblicato il

Per la stagione estiva il Comune di Auronzo ha programmato e finanziato una copiosa serie di eventi culturali e sportivi.
Inaugurata nella sala Esposizioni del Municipio la mostra collettiva ‘Dolomiti:un Mondo’, dedicata al X anniversario dell’intitolazione delle Dolomiti a Patrimonio dell’Umanita’ UNESCO.
La mostra è organizzata dal Comune di Auronzo, ideata e curata dall’Assessore Andrea Costa, con il patrocinio della Fondazione Dolomiti Unesco e del Comune di Treviso.
Presenti le opere di 130 artisti delle 3 associazioni ArteComelico, Circolo Morales di Belluno e Artisti Trevigiani…l’arte e le Dolomiti creano un ponte ideale di colori e emozioni che unisce le persone e i territori!!!
#Dolomiti Dolomites UNESCO #AuronzodiCadore #10anni #Arte #mostracollettiva #Municipio #Eventi #Estate2019 #Staytuned

Immagine della sala durante l’inaugurazione

In primo piano

Dolomiti: Un Mondo. La recensione critica della Dott.ssa Ombretta Frezza.

Pubblicato il

Dolomiti : Un Mondo

In occasione del decimo anniversario della titolazione delle Dolomiti Patrimonio dell’Unesco, il Comune di Auronzo di Cadore, da sempre socio sostenitore della Fondazione Dolomiti Unesco, ha organizzato una mostra che vedrà il coinvolgimento di tre associazione e cento trenta artisti.

Un evento di particolare interesse culturale che vuole ricordare come a Siviglia, nel giugno 2009, durante la 33esima seduta, il Comitato Patrimonio Unesco decise di iscrivere le Dolomiti nella lista del Patrimonio Mondiale, ponendo l’attenzione sullo straordinario valore di Bene Naturale.

Da quel momento compare un logo proprio e l’intitolazione “Fondazione Dolomiti Unesco”.

L’Assessore di Auronzo di Cadore, nonché presidente dell’Associazione Arte Comelico, Andrea Costa, ha invitato l’Associazione Arte Comelico, Il Circolo Artistico Morales e l’Associazione Artisti Trevigiani, chiedendo ad ogni singolo artista di raccontare la montagna attraverso il proprio vissuto personale e le emozioni che questa suscita nei loro cuori.

La rassegna prenderà il via sabato 15 Giugno 2019, alle ore 17,  presso la Sala Esposizioni del Municipio di Auronzo e resterà aperta fino al 9 Luglio.

Interverranno le autorità nella figura del sindaco di Auronzo di Cadore Tatiana Pais Becher, dell’Assessore e Presidente dell’Associazione Arte Comelico Andrea Costa, dei presidenti delle singole associazioni.

Le note critiche saranno a cura di Ombretta Frezza, Barbara Bortot e Francesca Lauria Pinter.

La vernice sarà animata dall’Intermezzo musicale a cura di Mattia Nio De Biasi e dalla lettura di alcune pagine del libro “Le tre lune” di Alfonso Lentini.

L’evento vede la presenza di artisti tra i più diversi per tecniche, stili: pittura, scultura, fotografia, incisione arrivano a dialogare tra di loro, contaminandosi, creando una sinergica energia.

Non isolamento ma apertura, volontà di dare voce ad una pluralità che arriva a celebrare la montagna in ogni sua declinazione e aspetto.

Ogni singola tela, scultura, fotografia, incisione potrebbe essere comparata ad un tassello che va a comporre una caleidoscopica visione che conduce l’osservatore all’interno di un’esperienza emozionale, intima e spirituale.

Il colore si fa voce narrante, conducendoci dentro ogni  opera  e facendoci divenire tutt’uno con la stessa,  protagonisti di un percorso sensoriale: occhi che ci portano a vedere e a stupirci, come se fosse la prima volta, dello straordinario spettacolo messo in scena dalla natura in ogni sua più piccola, impercettibile variazione, udito che ci porta a sentire i suoni della natura, canto meraviglioso di un paesaggio che si svela nei suoi segreti più reconditi, olfatto che ci porta ad avvertire profumi, odori che risvegliano in noi ricordi, attimi, fotogrammi di un passato che credevamo abbandonato, sopito, addormentato tra le pieghe della nostra anima e che invece si ridesta, tatto che ci porta ad accarezzare, sfiorare, abbracciare arrivando a creare un rapporto di totale sinergia con ciò che ci circonda.

Una montagna raccontata nell’andare delle ore e del susseguirsi delle stagioni, svelandosi a noi in modo ancora candido e innocente, non stravolto dalla modernità che contraddistingue la nostra contemporaneità.

Colore, luce, aria che corteggiano lo spazio compositivo, si studiano, si cercano per poi farsi tutto e abbandonarsi ad una continua ricerca dal sapore impressionista fino alla conquista di soluzioni di matrice informale ed astratta.

Un paesaggio che potremo definire senza tempo, all’interno del quale l’uomo entra, lasciandosi alle spalle la frenesia di una quotidianità che corre a doppia velocità, finalmente libero dalle catene, gli affanni, le alienazioni di un mondo che sta perdendo, ogni giorno di più, il proprio orientamento.

Ciò che colpisce è il silenzio che accarezza e avvolge valli, laghi, cime innevate, boschi case, interrotto solamente dal suono di un vento che non fa paura, la cui eco bisbiglia all’orecchio dell’osservatore, storie, segreti, frasi dette e non dette, realtà mai davvero svelate totalmente.

Scorci che vorrei leggere come un estremo tentativo di salvaguardare la memoria di tutti quegli aspetti culturali e ambientali che avevano favorito l’insediamento delle comunità locali.

Colpiscono le opere che sembrano cristallizzare il tempo a quel 30 Ottobre 2018, quando le nostre Dolomiti sono stare ferite, violentate, stravolte da un uragano di eccezionale portata.

Il volto di quelle terre che cambia per sempre, la cicatrice che solca l’anima delle valli e dei suoi paesini e che oggi è visibile ai nostri occhi con la presenza di alberi ancora ripiegati su se stessi e caduti a terra, un popolo che non si è arreso, non si è lasciato travolgere da ciò che è accaduto ma si è rialzato, ha ripreso in mano la situazione ed è voluto ripartire, rimboccandosi le maniche, come solo la gente di montagna sa fare, con orgoglio, dignità e amore per la propria terra.

Ombretta Frezza

Critica e Storica dell’Arte – Vicepresidente Associazione Artisti Trevigiani

In primo piano

Allestita la Mostra di Auronzo. Dolomiti: Un Mondo. Pronti al via.

Pubblicato il

Si e’ completato oggi l’allestimento della mostra “Dolomiti: Un Mondo.” promossa ed ospitata dal Comune di Auronzo di Cadore presso la sala espositiva comunale.

Tre le importanti associazioni coinvolte, Arte Comelico, Circolo Artistico M. Morales, Artisti Trevigiani.

“Desidero ringraziare i volontari delle associazioni che hanno aiutato ad allestire la sala”, commenta Andrea Costa, Assessore del Comune di Auronzo di Cadore e Presidente di Arte Comelico.

130 Opere. 130 Artisti. Oli su tela, sculture, acquarelli.

Inaugurazione SABATO 15 Giugno 2019 alle ore 17.00

Aperta fino al 9 Luglio.

Non mancate!!!!!

www.artecomelico.com

In primo piano

Dolomiti: Un mondo

Pubblicato il

Evento ad Auronzo per il 10^Anniversario della Fondazione Dolomiti UNESCO

In mostra Tre Associazioni Culturali  – 130 Artisti

A Siviglia, il 26 giugno 2009, durante la sua 33esima seduta, il Comitato per il Patrimonio UNESCO iscrisse le Dolomiti nella lista del Patrimonio Mondiale, suggellandone così l’eccezionale valore di  Bene Naturale  che da allora  compare con un proprio logo e l’intitolazione “FONDAZIONE DOLOMITI UNESCO”

In occasione del decennale, il Comune di Auronzo di Cadore, da sempre socio sostenitore della Fondazione Dolomiti Unesco, ha  invitato l’Associazione Arte Comelico, il Circolo Artistico Morales e l’Associazione Artisti Trevigiani ad inserirsi nella Rete degli Eventi in programma.

Il Comune di Auronzo ha concesso la grande Sala Esposizioni, per l’interessamento dell’Assessore al Bilancio e Presidente di Arte Comelico Andrea Costa  e grazie alla fattiva collaborazione di Francesca Lauria Pinter Presidente del Circolo Artistico M. Morales e di  Silvano Bonazza Presidente dell’Associazione ArtistiTrevigiani  si è organizzato  questo Evento cui e’ stato dato il titolo “Dolomiti: un mondo” . Le Dolomiti racchiudono un Mondo e si aprono al Mondo: mondo di storia, di presenze,di passione, di operatività, di amore, di emozioni, di bellezza, di esplosioni floreali , di eleganti cromatismi e di euforie incantate.

Espongono  130 artisti  di cui 40 di  Arte Comelico, 27 dell’Ass.ne  Artisti Trevigiani  e 63 del Circolo Morales nel cui interno vi è anche un gruppo in parte antico in parte nuovo di acquerellisti  con il loro simbolo. 

La Mostra si presenta così come un mosaico in cui gli abaculi  sono le  opere  realizzate  in cifre stilistiche  personali , in  cui  idee, forme, segni  e cromatismi   rigenerano la realtà rendendone possibili significati e libere interpretazioni .

La Mostra si apre il 15 giugno alle ore 17 con l’intervento delle Autorità, e dei Presidenti, con  note critiche di   Ombretta Frezza,Barbara Bortot e Francesca Lauria Pinter , intermezzi musicali di Mattia Nio De Biasi e con la lettura di alcune pagine del libro ”Le Tre Lune” di Alfonso Lentini  che    attraverso una scrittura frammentaria e visionaria osserva la montagna,” che vive, muore, si sposta, appare e scompare…specchio di un mondo dove ogni cosa partecipa al gioco dell’essere e del suo divenire”

In primo piano

I Frescanti all’opera. Maggio 2019.

Pubblicato il

In questi giorni il gruppo de “I FRESCANTI” di Arte Comelico sta realizzando un nuovo affresco.

Se volete visionare i lavori in corso e confrontarvi con uno dei maestri dell’affresco, lo potete fare tutti i giorni a Santo Stefano di Cadore.

Il nuovo affresco si trova presso il Bar LA LATTERIA di Santo Stefano di Cadore, fronte strada.

Complimenti agli artisti che stanno lavorando per migliorare la facciata già bella dell’edificio.

www.artecomelico.com

In primo piano

Inaugurata la mostra. Il video con la presentazione e le interviste agli artisti.

Pubblicato il

Inaugurata la rassegna pittorica de ” I 4 Elementi ” ad Auronzo di Cadore BELLUNO presso i locali del Museo di Palazzo Corte Metto.

30 Pittori. 120 Opere. 20×20 la dimensione. 4 Elementi. 4 anni di percorso stilistico.

L’evento del MINIQUADRO e’ stato presentato da Andrea Costa, il Presidente dell’Associazione di Artisti ARTE COMELICO. Una presentazione rotonda, che ha raccontato ai presenti il progetto realizzato e finalizzato a “stimolare i partecipanti nell’interpretare i 4 elementi”.

ARIA ACQUA TERRA FUOCO.

Una sala gremita ha accolto gli artisti partecipanti, una mostra interessante e varia, ricca di colore e di tecniche diverse.

La rassegna aperta il 14 Aprile restera’ visibile fino al 28 Aprile compreso.

Visitale la mostra e mettete in like al canale!!!

In primo piano

Inaugurazione oggi de “I 4 Elementi”. Ore 17 Palazzo Corte Metto Auronzo di Cadore

Pubblicato il

Si inaugura oggi la mostra di pittura organizzata dall’Amministrazione comunale di Auronzo di Cadore in collaborazione con l’associazione di Artisti ARTE COMELICO.

120 mini quadri di piccola dimensione, tele GALLERY 20×20 raffiguranti i 4 elementi. 30 gli artisti presenti.

Ogni artista presenta la sua personale interpretazione dell’elemento prescelto, TERRA ACQUA ARIA FUOCO.

La rassegna della durata complessiva di 4 annualita’, si chiudera’ con una grande mostra riassuntiva nel 2023.

Opere da collezionare, vista anche la progettualita’ proposta dall’iniziativa.

Accorrete numerosi, oggi al Palazzo Corte Metto di Auronzo di Cadore alle ore 17.00. Aperta tutti i giorni fino al 28 Aprile.

In primo piano

Allestita la mostra di Pasqua!!! Auronzo di Cadore

Pubblicato il

Guarda il video dell’allestimento

Una serata strepitante quella passata dal direttivo di Arte Comelico!!!

Anche allestire e preparare le sale espositive puo’ essere un momento di sicuro piacere, lavoro si, ma tante risate e battute, ci siamo proprio divertiti!!! ….e poi… che pizza!!!!

La mostra “I 4 elementi” si aprira’ con l’inaugurazione Domenica 14 Aprile alle ore 17.00.

Palazzo Corte Metto Auronzo di Cadore Bl – Italia.

Non mancate, 120 opere 20*20 ricche di colori vi aspettano!!!

www.artecomelico.com

Video presentazione dell’allestimento della mostra “I 4 Elementi”
In primo piano

Corso di Matita a cura di Ada Brao. Dal 26 Aprile tutti i venerdì. Auronzo di Cadore

Pubblicato il

Da venerdì 26 Aprile 2019 inizia il corso di matita a cura della maestra Ada Brao, associata ad Arte Comelico.

Il corso si svolgera’ per 5 venerdi’ presso il Caffe’ Venezia di Auronzo di Cadore.

L’orario previsto sara’ dalle ore 20 alle ore 22.

5 le lezioni previste.

Per informazioni contattate direttamente la maestra Ada

al numero 320 046 3329

In primo piano

Marinella Baggio e Annamaria De Zolt donano un opera ai Carabinieri di Santo Stefano di Cadore

Pubblicato il
Il quadro donato da Annamaria De Zolt e Marinella Baggio

Donato un quadro realizzato da Annamaria De Zolt e Marinella Baggio ai Carabinieri di Santo Stefano di Cadore in occasione della cerimonia dei Caduti di Cima Vallona in Comelico Superiore.

Molte le autorita’ presenti, civili e militari.

A ricevere la preziosa opera il Generale La Gala dell’Arma dei Carabinieri.

Complimenti alle nostre socie per il lavoro svolto.

In primo piano

Corso di Matita con la scuola di Arte Comelico

Pubblicato il

A breve i dettagli relativi al nuovo corsi di matita che si svolgera’ a cura di Arte Comelico.

La nostra maestra Ada Brao vi accompagnera’ in una nuova esperienza grafica, fatta di carte, matite, gomme e sfumature.

Continuate a seguire la pagina delle notizie, a breve i dettagli in un articolo specifico che uscira’ a brevissimo.

Date, orari e dettagli a breve…..

In primo piano

“Dolomiti: un Mondo”. Tre importanti Associazioni per dar vita ad un grande Evento a livello Regionale.

Pubblicato il

L’Associazione Arte Comelico, su iniziativa dell’Amministrazione del Comune di Auronzo di Cadore e in collaborazione con il “CIRCOLO ARTISTICO MARIO MORALES“ di Belluno e l’Associazione “Artisti Trevigiani” , intende partecipare ad una importante Mostra Collettiva dal titolo: “Dolomiti: un Mondo”.

Tre importanti Associazioni per dar vita ad un grande Evento a livello Regionale.

La Mostra e’ ad ingresso gratuito e il periodo sara’ dal 17 giugno al 7 luglio 2019.

SALA ESPOSITIVA COMUNALE

Auronzo di Cadore -bl – Italia



Nel 2009 l’UNESCO ha iscritto le Dolomiti tra i Patrimoni naturali dell’umanità.

Si tratta di un Bene complesso sia dal punto di vista geografico che amministrativo, composto da nove Sistemi ed esteso su 142mila ettari in 5 Province e 3 Regioni.

Nel 2010 nasce, in accordo con UNESCO, la Fondazione, il cui compito è garantire una gestione efficace del Bene seriale, favorirne lo sviluppo sostenibile e promuovere la collaborazione tra gli Enti territoriali che amministrano il proprio territorio secondo diversi ordinamenti; per questa Mostra Collettiva c’e’ il Patrocinio della Fondazione Dolomiti Unesco.

I Soci che volessero inviare una loro pre-adesione per questo importante Evento, sono pregati di inviare la richiesta via mail all’ndirizzo: artecomelico@gmail.com, entro e non oltre sabato 30 marzo 2019.
Si prevede che per ogni Socio ci sara’ la possibilita’ di esporre n.2 opere, ovviamente il numero e’ vincolato alla quantita’ di artisti presenti.

Comune di Auronzo di Cadore

Continuate a seguirci su:

www.artecomelico.com

www.artistitrevigiani.it

www.associazionedartemorales.it

In primo piano

Museo degli Scalpellini – 50 le Opere esposte di Franco Losso

Pubblicato il

Sono 50 le opere esposte nel Museo degli scalpellini da Franco Losso, artista di fama internazionale che ha, nella sua carriera artistica, esposto in Italia, Europa, ed altri paesi.

30 le personali effettuate dal 1960 ad oggi da Franco Losso, oltre 120 le collettive.

Il Museo di Castellavazzo in provincia di Belluno ha il privilegio di ospitare una rassegna di dipinti e sculture, un ricco contenitore di emozioni e di storia.

Franco Losso, che siamo onorati di poter contare tra i nostri artisti associati, non ha bisogno di presentazioni.

La sua arte “impressiona le menti”, “cattura i cuori”, “accarezza i sensi”.

Un arte ricca di sfumature cromatiche, un uso sapiente del colore ad olio, le sue mescolanze sono celebri nel mondo dell’arte.

Invito chi ha la possibilita’, di visitare la mostra di Franco Losso, aperta tutti i giorni di apertura del museo (sabati e domeniche) fino a fine Giugno.

Franco Losso – Indifferenza

In primo piano

I 4 Elementi – Rassegna di artisti Arte Comelico

Pubblicato il

In preparazione la mostra di miniquadri, un’ interessante colletiva di artisti che si terra’ al Palazzo Corte Metto in Auronzo di Cadore nel periodo Pasquale.

30 gli artisti coinvolti, un simposio promosso dall’associazione Arte Comelico e dal Comune di Auronzo di Cadore.

Ogni artista presentera’ 4 mini tele formato Gallery, 20×20.

La scelta di presentare al pubblico il piccolo formato serve a stimolo, sia dell’artista che del visitatore, ad immergersi un una nuova dimensione artistica. Nel miniquadro le realizzazioni diventano piu’ minuzione e complesse da realizzare.

Il titolo della rassegna “I 4 elementi” vuole stimolare i partecipanti a proporre 4 diverse interpretazioni di quelli che sono i 4 elementi, Acqua Aria Terra Fuoco.

Inaugurazione Domenica 14 Aprile alle ore 18.00

La mostra sara’ aperta fino a Domenica 28 Aprile.

Continuate a visitare il sito www.Artecomelico.com per eventuali altre informazioni.